La password molecolare: il gruppo metilico


Il gruppo metilico è una delle più comuni unità strutturali dei composti organici del corpo. E’ una piccola ma potente molecola, formata da 3 atomi di idrogeno legati a 1 atomo di carbonio che, a sua volta, collega il gruppo al substrato.

Possono essere aggiunti o rimossi da proteine, acidi nucleici o altre molecole, le cui azioni risultano modificate. Il gruppo metilico è, infatti, un radicale chimico labile, suscettibile di essere trasferito da una molecola all’altra, con conseguenze importanti dal punto di vista:

  • Chimico,
  • Biochimico,
  • Biologico.

La reazione mediante la quale i gruppi metilici sono trasferiti è definita METILAZIONE.

La presenza di gruppi metilici in una molecola può condizionare la sua capacità di attraversare quella barriera che si oppone all’ingresso nel cervello di molecole potenzialmente dannose, la barriera emato-encefalica (BEE).

La caffeina, il componente principale del caffè, ad esempio, può entrare più facilmente nel cervello, rispetto alla teobromina, il componente principale della cioccolata, grazie alla presenza di 3 gruppi metilici nella sua molecola, rispetto ai 2 gruppi metilici presenti nella teobromina. E’ per questo motivo che il caffè ha, rispetto alla cioccolata, con la quale condivide altri effetti all’esterno del cervello, maggiori effetti sul sistema nervoso.