Il paradosso della nostra dieta: il vuoto dietro l’eccesso. Parte 2: il Magnesio.


Il Magnesio è il 4° più abbondante minerale del corpo, il secondo più abbondante catione bivalente del corpo, cofattore riconosciuto in oltre 300 reazioni metaboliche. Una carenza di Magnesio interessa circa il 60% della popolazione generale americana, con maggiore incidenza nella popolazione anziana. L’RDA per la popolazione adulta è pari a 310-420mg/die.

Il magnesio svolge molteplici azioni nel corpo:

-azione rilassante sul sistema nervoso e muscolare, compreso quello cardiaco;

-utile per riarmonizzare emozioni e pensiero;

-Può essere efficace per trattare l’irritabilità, la depressione, i disordini bipolari, i disturbi del sonno, la sindrome pre mestruale, i crampi e gli spasmi muscolari in ogni parte del corpo, la stipsi, per migliorare la digestione e riequilibrare l’intolleranza agli zuccheri

-rinforza la struttura e contrasta sindrome da fatica cronica, la fibromialgia, l’artrite e l’osteoporosi;

-sostiene il mantenimento e favorisce la formazione delle sinapsi (i collegamenti tra i neuroni) a livello cerebrale (secondo quanto pubblicato sulla rivista “molecular brain” dal Dr Guosong Liu, un aumento dei livelli di magnesio a livello cerebrale favorisce il mantenimento e la formazione di sinapsi in un modello di Alzheimer murino ed è in grado di invertire il declino cognitivo). E’ utile nel preservare la memoria e nel trattamento dell’emicrania.

-Previene la demineralizzazione ossea. Il Magnesio è necessario per evitare che il calcio sbagli strada. Nonostante massive introduzioni di calcio, si può avere una carente mineralizzazione ossea. Ciò è dovuto al fatto che il calcio si deposita nei tessuti molli anziché nella sua principale sede naturale: l’osso. Il risultato può essere una carenza di calcio nelle ossa (demineralizzazione) ed un contemporaneo eccesso di deposito di calcio nei tessuti molli. All’Osteopenia/Osteoporosi si potranno associare danni a carico di reni, cuore, vasi. Una malattia come la fibromialgia può peggiorare per effetto dell’eccesso di calcio nei muscoli.

-facilita la digestione e combatte la stipsi

-A livello metabolico contrasta l’insulino-resistenza e può favorire la perdita di peso.