Quello che la bilancia non ci può dire


Quello che la bilancia non ci può dire………………….

Tra i 20 e i 60 anni il corpo tende ad andare incontro a profonde modificazioni della sua composizione, caratterizzate prevalentemente da un amento della massa grassa e da un rimaneggiamento della massa magra. Queste variazioni possono sfuggire alle prove della bilancia perché il peso corporeo può variare di poco o non variare affatto.

La Bioimpedenziometria (BIA), grazie alla possibilità di distinguere tra i vari tessuti che concorrono a determinare il peso corporeo, può scoprire tempestivamente queste condizioni.

Altezza, peso e BMI non variano tra 20 e 35 anni. Per la bilancia, in fasi diverse della vita, non ci sono stati dei cambiamenti nel corpo. Il test BIA, invece, consente cogliere i profondi cambiamenti che si sono verificati a carico della composizione corporea. La % di massa grassa era pari al 15.8% all’età di 20 anni; è diventata il 22.8% a 30 anni e il 31.5% a 35 anni. La % di massa muscolare era pari al 34.5% a 20 anni; è diventata il 30.4% a 30 anni e 25% a 35 anni. Il metabolismo basale era 1264 Kcal a 20 anni; si è ridotto a 1230 a 30 anni e a 1179 a 35 anni.

Il ricorso a strategie efficaci nel ritardare i cambiamenti che accompagnano il trascorrere degli anni non ha soltanto un valore estetico ma promuove anche il nostro benessere, la nostra longevità e la nostra salute. Grazie alla stima della composizione corporea, ottenuta mediante BIA, è possibile personalizzare il percorso su dati certi.

Gli obesi non sono tutti uguali perché l’obesità non è soltanto un problema di % di massa grassa, sono più importanti le proporzioni dei vari componenti perché esprimono le condizioni energetico-metaboliche. Non richiedono, perciò, tutti lo stesso percorso dietetico/riabilitativo. Esistono diversi tipi di obesi: a) malnutriti, b) disidratati, c) edematosi.

un obeso con scarse masse muscolari ha anche un metabolismo basso. In questi casi, prima di somministrare diete ipocaloriche, occorre un percorso riabilitativo finalizzato al recupero della massa muscolare, supportato da un adeguato sostegno nutrizionale. Spesso questi soggetti, infatti, non rispondono bene alle diete ipocaloriche.